Energia / Nuova Riwal Ceramiche / settore ceramico

Nuova Riwal Ceramiche – Maranello

energia: settore fonti rinnovabili

Il contesto

Nel 1938 nasce il marchio Saime (Società Azionaria Industriale Materiali Edili), legato alla tradizione del distretto ceramico di Sassuolo, apprezzato e conosciuto in tutto il mondo. Le sue origini testimoniano la continuità produttiva e la capacità di rinnovarsi sempre. Nel 1987 l’azienda Saime Ceramiche viene rilevata dal Gruppo Ceramico Riwal, poi Nuova Riwal Ceramiche S.r.L (2007) ed entra a far parte della Casalgrande Padana S.p.A. Oggi il marchio Saime Ceramiche si contraddistingue per dinamicità, qualità e tecnologia e per una particolare attenzione alle esigenze dei mercati esteri dai quali deriva quasi il 70% del fatturato. Attenta alle evoluzioni degli stili di vita, coglie il gusto e le esigenze di un pubblico eterogeneo offrendo una vasta gamma ricercata di prodotti, in linea con i trend e spesso anticipando le tendenze.

DATI TECNICI

Potenza elettrica: 4.400 kW

Potenza termica fumi: 9.500 kW

Tipologia di intervento

NUOVA RIWAL CERAMICHE ha recentemente dotato il proprio stabilimento SAIME di Maranello – marchio del Gruppo, di storica tradizione – di un nuovo sistema di cogenerazione ad elevata efficienza energetica. Il sistema, che ha sostituito il vecchio impianto installato nel 1992, è stato progettato, costruito e installato “chiavi in mano” da Cefla Impianti. L’impianto esistente non era più adeguato alle esigenze energetiche dello stabilimento ed inoltre l’efficienza intrinseca della macchina era notevolmente inferiore alle nuove tecnologie disponibili. L’energia elettrica, prodotta in autonomia grazie a questo nuovo impianto di potenza 4,4 MWe, è destinata ad alimentare i rinnovati impianti di produzione, mentre l’energia termica è completamente recuperata dagli atomizzatori del reparto preparazione impasti. La fornitura si è completata con il sistema di compressione gas necessario al corretto funzionamento della turbina. Il tutto è progettato per avere una elevatissima efficienza energetica: fino ad oltre 95% rispetto all’energia introdotta come gas naturale, tali da consentire la classificazione di “Cogenerazione ad Alto Rendimento”. Il nuovo impianto è stato completato con un sistema di supervisione realizzato da CEFLA con una logica di controllo automatizzata, utile a poter gestire la macchina a seconda delle varie condizioni di processo. Le due modalità di maggior interesse sono l’inseguimento elettrico, utile a minimizzare la cessione di energia in rete, e l’inseguimento termico che permette di avere un recupero termico completo dei fumi. Questa seconda modalità permette una gestione degli indici energetici su base annua molto precisa ed, viste le condizioni economiche attuali del mercato energetico, permette anche ricavi economici anche con la vendita di energia in rete. Il riconoscimento di CAR (cogenerazione ad alto rendimento) ha permesso l’accesso ai titoli di efficienza energetica di tipo II-CAR; oltre che elle agevolazioni previste per i sistemi SEU (Sistema Efficienti di Utenza). La collaborazione con i tecnici di Cefla ha consentito la personalizzazione del sistema di supervisione per soddisfare le nostre specifiche esigenze (gestione degli indici energetici, reportistica, controllo del cosfi, ecc). La proposta di CEFLA come partner per una soluzione chiavi in mano è risultata vincente grazie all’approccio da general contractor proposta con un valore di mercato competitivo e completo delle garanzie fornite derivanti da un’esperienza di oltre 25 anni nell’industria ceramica con più di 100MW installati.

Energia / Gias / settore industriale
Civile / Teatro alla Scala / restauro beni artistici